Avviso importante per gli espositori

FAIRGUIDE.COM – (Construct Data Verlag GmbH) e REGISTRO ITALIANO IN INTERNET (DAD GmbH)
Siamo a conoscenza del fatto che alcune società con sede in Austria, la Construct Data Verlag GmbH e DAD GmbH in Germania, invia lettere ad aziende espositrici di fiere, offrendo l’inserimento di un’inserzione pubblicitaria per tre anni sul catalogo virtuale consultabile in internet, dietro pagamento di un importo annuo.
Construct Data e Registro Italiano in Internet rivolgono la loro offerta agli espositori delle nostre rassegne utilizzando il nome di Pordenone Fiere e delle manifestazioni da noi organizzate. La stessa procedura viene usata nei confronti di numerose Fiere italiane ed estere.
Intendiamo chiarire che Pordenone Fiere non ha mai autorizzato queste aziende su citate ad usare il proprio marchio o quello delle sue manifestazioni, essendo completamente estranea all’attività svolta dalla società austriaca e tedesca.
Nel caso riceviate il modulo/contratto consigliamo di leggere molto attentamente tutte le condizioni prima di firmare.
Per ulteriori informazioni potete visitare il sito indipendente www.stopecg.org e per l’Italia il sito www.osservatorioaziende.it
EXPO GUIDE S.C
l'Autorità Garante della Concorrenza e del mercato (di seguito anche "Agcm" o "Antitrust") con Provv. N. 22583/2011 ha sanzionato Expo Guide S.C. (di seguito anche "Expoguide" o la "società") per pubblicità ingannevole attuata a danno delle piccole e medie imprese italiane. 
Expo Guide S.C. gestisce una banca dati on line, denominata "Guida per fiere ed espositori", che consente la ricerca di informazioni sulle fiere in corso in diversi paesi europei ed extra-europei, oltre che sugli espositori e sugli organizzatori. L'Agcm ha avviato un procedimento nei confronti della società in relazione a un messaggio pubblicitario segnalato da titolari di imprese, da pubbliche amministrazioni, da enti pubblici e privati, consistente in una comunicazione scritta, inviata tramite posta o per via e-mail, volta a promuovere un'attività di raccolta di nominativi di imprese da inserire nella banca dati "Guida per fiere ed espositori". In tale comunicazione è stato proposto un servizio gratuito di aggiornamento dati e un servizio a pagamento di iscrizione alla propria banca dati on line. Le informazioni contenute nella comunicazione sono state presentate in modo tale da ingenerare nei destinatari il convincimento che l'utilizzo del modulo allegato alla lettera di presentazione non comportasse alcun onere economico, trattandosi di un aggiornamento dei propri dati in vista della partecipazione ad eventi fieristici. In tal modo, i destinatari sono stati indotti a compilare e firmare il suddetto modulo nell'erronea convinzione che tale operazione facesse parte di un'offerta gratuita, aderendo, in realtà, al servizio a pagamento di inserimento dati nella banca dati on line "Guida per fiere ed espositori". 
La comunicazione di Expoguide è stata improntata a notevole ambiguità, non fornendo informazioni chiare e trasparenti sulla natura dell'iniziativa editoriale promossa. In tal senso depone anche la circostanza che la lettera è stata inviata da Expoguide, senza alcuna previa richiesta da parte dei destinatari, in prossimità di eventi fieristici internazionali a cui questi ultimi avrebbero partecipato, lasciando loro intendere di essere già iscritti ad una banca dati. Secondo l'Agcm il messaggio pubblicitario diffuso da Expoguide integra violazione degli artt. 1, 2 e 3 del Decreto Legislativo 2 agosto 2007, n. 145, nella misura in cui non consente ai destinatari di percepire la natura, le caratteristiche e le condizioni economiche dell'iniziativa pubblicizzata, pregiudicandone il comportamento economico. L'Antitrust ha, di conseguenza, irrogato a Expo Guide S.C. una sanzione amministrativa pecuniaria di importo pari a 100.000 €.
Per quanto riguarda coloro che hanno erroneamente sottoscritto il contratto o ricevuto fattura con la richiesta di pagamento, si consiglia di recedere e/o diffidare la società richiedente, facendo presente di essere stati indotti alla sottoscrizione con l'inganno ed indicando il provvedimento emesso dall'Antitrust. Qualora la società persista, si consiglia di informare tempestivamente le autorità competenti, sporgendo formale denuncia, al fine di far avviare indagini specifiche nei confronti di questa società ed al fine di tutelarsi da eventuali ulteriori richieste di pagamento.
Nel caso invece di avvenuto pagamento, è necessario valutare l'opportunità di agire in giudizio al fine di ottenere il rimborso di quanto indebitamente corrisposto, eventualmente utilizzando il citato provvedimento dell'Antitrust quale elemento fondante l'illegittimità della pretesa della Expoguide. 

FAIRGUIDE.COM (Construct Data Verlag GmbH), REGISTRO ITALIANO IN INTERNET (DAD GmbH), EVENT FAIR - The Exhibitors Index, l'Indice degli Espositori per Fiere ed Esposizioni

Siamo a conoscenza del fatto che alcune società quali la Construct Data Verlag GmbH, con sede in Austria, DAD GmbH in Germania e WWWDB s.r.o. con sede s Bratislava, in Slovacchia, inviano lettere ad aziende espositrici di fiere, offrendo l’inserimento di pubblicità su cataloghi virtuali consultabili in internet, a seguito del pagamento di importi annui. Queste società rivolgono la loro offerta anche agli espositori delle nostre rassegne utilizzando il nome di Pordenone Fiere e delle manifestazioni da noi organizzate. La stessa procedura viene usata nei confronti di numerose Fiere italiane ed estere. Intendiamo chiarire che Pordenone Fiere non ha mai autorizzato queste aziende su citate ad usare il proprio marchio o quello delle sue manifestazioni, essendo completamente estranea all’attività svolta dalla società austriaca e tedesca. Nel caso riceviate il modulo/contratto consigliamo di leggere molto attentamente tutte le condizioni prima di firmare.

Per ulteriori informazioni potete visitare il sito indipendente www.stopecg.org e per l’Italia il sito www.osservatorioaziende.it

 

 

EXPO GUIDE S.C

l'Autorità Garante della Concorrenza e del mercato (di seguito anche "Agcm" o "Antitrust") con Provv. N. 22583/2011 ha sanzionato Expo Guide S.C. (di seguito anche "Expoguide" o la "società") per pubblicità ingannevole attuata a danno delle piccole e medie imprese italiane. 

Expo Guide S.C. gestisce una banca dati on line, denominata "Guida per fiere ed espositori", che consente la ricerca di informazioni sulle fiere in corso in diversi paesi europei ed extra-europei, oltre che sugli espositori e sugli organizzatori. L'Agcm ha avviato un procedimento nei confronti della società in relazione a un messaggio pubblicitario segnalato da titolari di imprese, da pubbliche amministrazioni, da enti pubblici e privati, consistente in una comunicazione scritta, inviata tramite posta o per via e-mail, volta a promuovere un'attività di raccolta di nominativi di imprese da inserire nella banca dati "Guida per fiere ed espositori". In tale comunicazione è stato proposto un servizio gratuito di aggiornamento dati e un servizio a pagamento di iscrizione alla propria banca dati on line. Le informazioni contenute nella comunicazione sono state presentate in modo tale da ingenerare nei destinatari il convincimento che l'utilizzo del modulo allegato alla lettera di presentazione non comportasse alcun onere economico, trattandosi di un aggiornamento dei propri dati in vista della partecipazione ad eventi fieristici. In tal modo, i destinatari sono stati indotti a compilare e firmare il suddetto modulo nell'erronea convinzione che tale operazione facesse parte di un'offerta gratuita, aderendo, in realtà, al servizio a pagamento di inserimento dati nella banca dati on line "Guida per fiere ed espositori". 

La comunicazione di Expoguide è stata improntata a notevole ambiguità, non fornendo informazioni chiare e trasparenti sulla natura dell'iniziativa editoriale promossa. In tal senso depone anche la circostanza che la lettera è stata inviata da Expoguide, senza alcuna previa richiesta da parte dei destinatari, in prossimità di eventi fieristici internazionali a cui questi ultimi avrebbero partecipato, lasciando loro intendere di essere già iscritti ad una banca dati. Secondo l'Agcm il messaggio pubblicitario diffuso da Expoguide integra violazione degli artt. 1, 2 e 3 del Decreto Legislativo 2 agosto 2007, n. 145, nella misura in cui non consente ai destinatari di percepire la natura, le caratteristiche e le condizioni economiche dell'iniziativa pubblicizzata, pregiudicandone il comportamento economico. L'Antitrust ha, di conseguenza, irrogato a Expo Guide S.C. una sanzione amministrativa pecuniaria di importo pari a 100.000 €.

Per quanto riguarda coloro che hanno erroneamente sottoscritto il contratto o ricevuto fattura con la richiesta di pagamento, si consiglia di recedere e/o diffidare la società richiedente, facendo presente di essere stati indotti alla sottoscrizione con l'inganno ed indicando il provvedimento emesso dall'Antitrust. Qualora la società persista, si consiglia di informare tempestivamente le autorità competenti, sporgendo formale denuncia, al fine di far avviare indagini specifiche nei confronti di questa società ed al fine di tutelarsi da eventuali ulteriori richieste di pagamento.

Nel caso invece di avvenuto pagamento, è necessario valutare l'opportunità di agire in giudizio al fine di ottenere il rimborso di quanto indebitamente corrisposto, eventualmente utilizzando il citato provvedimento dell'Antitrust quale elemento fondante l'illegittimità della pretesa della Expoguide.

 

 

Partner
bcc.jpg
pnwl
aefi.jpg
cefa.jpg